Dopo COP 27: i risultati dell’ultima conferenza sui cambiamenti climatici

Martedì 13 dicembre, dalle ore 11 alle 12:30, si terrà un webinar del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC) dal titolo “Dopo COP 27: i risultati dell’ultima conferenza sui cambiamenti climatici“.

Interverranno: Federica Fricano, Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica; Lucia Perugini, CMCC; Marta Ellena, CMCC; e Elisa Calliari, CMCC.

Il moderatore dell’incontro sarà Mauro Buonocore, CMCC.

La COP 27 di Sharm El-Sheikh si è conclusa con un documento che definisce alcuni aspetti dell’implementazione degli accordi internazionali sul clima.
Esperte e scienziate che hanno preso parte alla delegazione italiana alla COP faranno il punto sullo stato delle cose, sui temi che hanno maggior rilievo nell’ambito dello “Sharm el-Sheikh implementation plan”, da mitigazione e adattamento fino a loss and damage – di cui tanto si è parlato nei giorni della conferenza – e alle prospettive future per il prossimo anno che si aprirà con la pubblicazione del Rapporto di Sintesi dell’IPCC.

Il webinar è gratuito ed è possibile iscriversi da qui.

Evento organizzato da IPCC, Focal Point for Italy. Per ulteriori informazioni, visitare la pagina web dell’evento o contattare: info@cmcc.it

Webinar: “Cambiamento Climatico e Diritti Umani”

Cambiamento Climatico e Diritti Umani

Chiara Soletti: esperta di intersezionalità con una solida esperienza in materia di diritti umani, clima e sviluppo sostenibile all’interno delle Nazioni Unite. Lavora in questo settore a livello professionale attraverso varie collaborazioni. Tra le più significative c’è stata quella con Italian Climate Network, per la quale è stata Policy Adviser su Clima e Diritti. Dal 2015 al 2022 ha partecipato come osservatrice della società civile ai negoziati dell’UNFCCC.

Andrea Merusi: consulente ambiente, sicurezza sul lavoro e sostenibilità Osservatorio HSE (Health, Safety, Environment).

 

Per approfondimenti e aggiornamenti in merito alle attività svolte nelle Conferenze delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici segnaliamo i lavori dell’associazione Italian Climate Network consultabili a questo sito: www.italiaclima.org.

 

 

9 dicembre: webinar dell’Osservatorio HSE: “Cambiamento Climatico e Diritti Umani”

Lo studio di analisi e consulenza Osservatorio HSE, in collaborazione con l’associazione culturale “il Taccuino di Darwin”, sono lieti di invitarvi al secondo appuntamento del ciclo di webinar “Ambiente, Sicurezza e Sostenibilità…in 10 minuti”.

L’iniziativa ha lo scopo di affrontare, con esperti del settore, aggiornamenti normativi, notizie di attualità e aspetti rilevanti sulle tematiche legate allo sviluppo sostenibile e alla sicurezza sul lavoro. Si tratta di brevi interviste utili agli addetti ai lavori ma non solo.

Il secondo appuntamento si terrà venerdì 9 dicembre, alle ore 14, e tratterà il tema: “Cambiamento Climatico e Diritti Umani”. Ospite dell’incontro sarà Chiara Soletti, esperta in Diritti Umani, Clima e Sviluppo Sostenibile.

Modera l’incontro Andrea Merusi dell’Osservatorio HSE.

Tutti gli appuntamenti saranno trasmessi sul sito dell’Osservatorio HSE (www.osservatoriohse.com) e dell’associazione “il Taccuino di Darwin” (www.iltaccuinodidarwin.com).

Salute Sicurezza Sostenibilità: dal 22 al 24 novembre a Bologna torna la fiera Ambiente Lavoro

Dal 22 al 24 novembre prossimi è in calendario l’appuntamento con Ambiente Lavoro, la manifestazione impegnata da sempre nella diffusione di una nuova cultura della sicurezza. Aziende, esperti, rappresentanze sindacali, associazioni professionali ed enti di formazione tra i più autorevoli si troveranno in Fiera a Bologna per dare vita ad un confronto sui temi strategici, storici e nuovi, sul lavoro e sulla sicurezza, sulla prevenzione, sulla salute e sulla sostenibilità di un sistema produttivo sul quale infortuni e malattie professionali fanno ancora registrare un forte impatto. Salute, Sicurezza e Sostenibilità sono infatti le tre parole chiave per la 22esima edizione del Salone che si propone di affrontare il vasto e strategico tema della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro: dal rischio chimico alla sicurezza nei cantieri, dai rischi per chi lavora in agricoltura al nuovo regolamento macchine (in vista dell’approvazione del nuovo Regolamento Europeo atteso per novembre), alla prevenzione e protezione antincendio. Dalla parità di genere e la salute e sicurezza delle lavoratrici, al ruolo sempre più strategico delle nuove tecnologie, dall’implementazione dei valori della sicurezza attraverso forme di comunicazione e partecipazione concreta per anticipare i rischi e individuare le azioni preventive per evitarli, contribuendo così attivamente a ridurre la possibilità di infortuni. E ancora il tema della sostenibilità: dopo tre anni di pandemia è possibile una valutazione del pericolo per il nostro eco sistema, ma anche per la nostra salute provocato dall’abbandono sulle strade delle nostre città, nei luoghi di grande passaggio come stazioni e aeroporti, nei parchi e nei boschi di una grande quantità di dispositivi di protezione individuale monouso che dovrebbero essere invece smaltiti mediante termodistruzione in impianti autorizzati (come previsto dal D.Lgs. 152/2006), in modo da eliminare ogni pericolo di contagio. Inoltre, cosa può fare l’industria per contrastare la diffusione della plastica monouso che rappresenta ancora oggi un enorme problema ambientale? Ad Ambiente Lavoro saranno presentate e discusse le più innovative esperienze praticate nel nostro Paese per la riduzione dell’utilizzo della plastica nel packaging industriale. Infine, ma non meno importante, il tema della privacy. Se durante la pandemia la gestione della privacy e dei dati personali legati allo stato di salute dei lavoratori è stata oggetto di acceso dibattito, oggi è necessario affrontare il tema anche alla luce delle nuove acquisizioni e competenze – così come richiesto dalla vigente normativa- e del rapporto con le nuove emergenti figure professionali.

Come sempre Ambiente Lavoro sarà un’occasione per l’aggiornamento: in cantiere ci sono già oltre 350 ore di formazione e più di 150 convegni.
Dato di riferimento e di partenza, come ogni anno, è il numero delle denunce di infortunio sul lavoro. Il quadro è davvero sconfortante: nei primi otto mesi del 2022 le denunce di infortunio sul lavoro sono 484.561, in aumento del 38,7% rispetto alle 349.449 dei primi otto mesi del 2021, 677 sono le vittime sul lavoro (-12,3% rispetto allo stesso periodo del 2021, sul quale però avevano gravato i 199 decessi causati da Covid-19 contro i 14 del 2022). Così si legge nella sezione Open Data dell’INAIL. In sostanza, in Italia, ci sono circa 3 morti sul lavoro al giorno.
L’edizione 2022 consentirà una riflessione sul quadro che la pandemia ci ha restituito in termini di sicurezza, salute e prevenzione non solo in campo sanitario e sulle professioni più esposte, ma anche rispetto ai temi della prevenzione, della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro in ottica di genere.

Si comincia martedì 22 novembre (14.30-17.00) con Futuro: femminile, plurale. Lavoro, parità di genere, sicurezza. Il convegno, che fa parte delle Iniziative Speciali della ventiduesima edizione di Ambiente Lavoro, affronterà il tema dei rischi legati al lavoro rispetto alla sicurezza e alla salute delle donne. Dal dossier INAIL Donne e infortuni sul lavoro emerge che “negli anni 2016-2019 l’incidenza degli infortuni al femminile rispetto al totale è rimasta pressoché costante (36%), mentre nel 2020, complice anche il più elevato numero di contagi da Covid-19 delle donne rispetto agli uomini, la quota è salita al 43%. Durante questa fase di emergenza epidemiologica, le lavoratrici hanno infatti pagato un prezzo molto alto: sono le più colpite dai contagi professionali (su 211.390 denunce pervenute all’INAIL dall’inizio della pandemia al 31 gennaio 2022, ben 144.353 riguardano donne, pari a poco meno di sette contagi su 10)”. Rischi fino ad oggi piuttosto sottovalutati e trascurati rispetto a quelli per gli uomini, sia nella ricerca che nella prevenzione. Eppure, benché sia necessario e opportuno colmare le lacune nella conoscenza, sarebbe già possibile, con le attuali informazioni in materia di prevenzione e integrazione del genere, applicare le direttive esistenti in modo più accorto e attento. Ad Ambiente Lavoro se ne parlerà con chi si occupa di gestione delle risorse umane, con chi cura le attività di prevenzione e con quelle aziende che hanno già intrapreso un percorso di attenzione specifica per la parità di genere e la tutela del benessere e della sicurezza delle donne al lavoro quali Danone, Librerie Feltrinelli e Poste Italiane.

Ma la sezione Iniziative Speciali ha in serbo molto altro. Come l’ormai tradizionale Campo Prove grazie al quale, in un’area appositamente allestita, le aziende potranno mostrare in funzione i propri prodotti inserendoli in una simulazione di rischio. A questo seguirà l’analisi alla luce delle principali soluzioni offerte dagli espositori in fiera. Il campo prove approfondirà i rischi che si verificano nelle diverse attività quali lavori in quota, ergonomia e sollevamento, movimentazione e trasporto, sversamenti pericolosi, scivolamento, spazi confinati e sicurezza stradale.

Tra le novità più significative si colloca Start up your Safety – Accendi la sicurezza, l’area che Ambiente Lavoro riserverà alle innovazioni dedicate alla salute e sicurezza sul lavoro. Uno spazio dedicato alle idee e alle esperienze più innovative in cui  potranno presentare i propri progetti e le proprie soluzioni per migliorare il benessere sul posto di lavoro e per contrastare malattie e incidenti professionali. I visitatori troveranno, all’interno dello spazio Start up your Safety, sensori che monitorano la qualità dell’aria, algoritmi che studiano i rischi di un viaggio di lavoro all’estero, caschetti neurali che rilevano lo stress dell’operatore. Perché la sicurezza è sempre più una questione di applicazione delle nuove tecnologie che consentono di supportare la sicurezza degli operatori coinvolti nei processi produttivi industriali. Anche i dispositivi di protezione individuale infatti si innovano, si adeguano e si integrano grazie all’apporto delle nuove conoscenze tecnologiche.

Sempre tra le Iniziative Speciali anche Safety Sensei, ispirata al confronto e all’analisi delle buone pratiche. Sarà questa un’occasione, per chi ha fatto esperienza di soluzioni efficaci in termini di prevenzione sul posto di lavoro, di mettere questa esperienza a disposizione di altri. Le tematiche principali che verranno affrontate saranno l’Evoluzione della figura del preposto, la Valutazione dell’efficacia della formazione, la Sostenibilità e la sicurezza ambientale.

Infine i Safety Business Days: martedì 22 novembre e mercoledì 23 novembre, dalle 12,30 alle 14.00, 30 tra le aziende presenti in fiera potranno incontrare RSPP (responsabili del servizio di prevenzione e protezione dai rischi) HSE e HQSE manager in occasione di networking lunch e di un programma di incontri B2B prestabiliti per facilitare l’incontro tra domanda e offerta.

Comunicato stampa Fiera Ambiente Lavoro

Contatti ufficio stampa: 3406288237

Clicca qui per visionare il programma dei convegni.

8 e 9 novembre: Stati Generali della Green Economy

Gli Stati Generali della Green Economy, l’evento annuale di riferimento per la green economy italiana, promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy e realizzato in collaborazione con il Ministero della Transizione Ecologica e con la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, arrivano alla undicesima edizione e vi danno appuntamento l‘8 e 9 novembre a Rimini Fiera, nella tradizionale cornice di Ecomondo – Key Energy.

L’edizione 2022 sarà dedicata al tema “Le nuove sfide della transizione ecologica per le imprese italiane – Tra gli alti costi dell’energia, delle materie prime e della crisi climatica” ed è articolata secondo l’agenda che segue.

 

 

Plenarie:

  • 8 novembre ore 11.15 –  Sessione plenaria di apertura:
    Le nuove sfide della transizione ecologica per le imprese italiane
    Presentazione della Relazione sullo Stato della Green Economy 2022
  • 9 novembre ore 9.30 – Sessione plenaria internazionale:
    Imprese e governi per la transizione ecologica e la neutralità climatica, con gli interventi dei vertici delle imprese, delle istituzioni e dei rappresentanti internazionali

Sessioni tematiche di approfondimento:

  • Materie prime, l’uscita dalla crisi passa dall’economia circolare, in collaborazione con Circular Economy Network – 8 novembre ore 15.00
  • Le città e la sfida del clima, in collaborazione con Green City Network – 8 novembre ore 15.00
  • Visioni di futuro: le imprese italiane e la sfida della neutralità climatica, in collaborazione con Italy for Climate – 9 novembre ore 15.00
  • Circularity of water | Challenges, solutions and technologies for a new international geography: partnerships between Italy and the Netherlands, in collaborazione con Ambasciata e Consolato Generale dei Paesi Bassi e Materia Rinnovabile(in lingua inglese) – 8 novembre ore 16.30
  • La transizione ecologica dell’agroalimentare: in collaborazione con CREA e Rete Rurale Nazionale – 8 novembre ore 15.00

Per tutte le sessioni degli Stati Generali della green economy le iscrizioni saranno disponibili entro il 10 ottobre.

Per maggiori informazioni: www.statigenerali.org

Fonte: Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

Webinar: “Mobility Manager e Piani di Spostamento Casa Lavoro”

Mobility Manager e Piani di Spostamento Casa Lavoro

Rolando Cervi: consulente, formatore e Mobility Manager, collabora con l’ente di formazione LEN (Learning Education Network) nel settore della sostenibilità, principalmente in ambito organizzativo e in tema di Mobility Management.

Andrea Merusi: consulente ambiente, sicurezza sul lavoro e sostenibilità Osservatorio HSE (Health, Safety, Environment).

23 settembre: webinar dell’Osservatorio HSE: “Mobility Manager e Piani di Spostamento Casa Lavoro”

Lo studio di analisi e consulenza Osservatorio HSE, in collaborazione con l’associazione culturale “il Taccuino di Darwin”, sono lieti di invitarvi al ciclo di webinars “Ambiente, Sicurezza e Sostenibilità…in 10 minuti”.

L’iniziativa ha lo scopo di affrontare, con esperti del settore, aggiornamenti normativi, notizie di attualità e aspetti rilevanti sulle tematiche legate allo sviluppo sostenibile e alla sicurezza sul lavoro. Si tratta di brevi interviste utili agli addetti ai lavori ma non solo.

Il primo appuntamento si terrà venerdì 23 settembre, alle ore 14, e tratterà il tema: “Mobility Manager e Piani di Spostamento Casa Lavoro”. Ospite dell’incontro sarà Rolando Cervi, formatore, consulente e Mobility Manager. Modera l’incontro Andrea Merusi dell’Osservatorio HSE.

Tutti gli appuntamenti saranno trasmessi sul sito dell’Osservatorio HSE (www.osservatoriohse.com) e dell’associazione “il Taccuino di Darwin” (www.iltaccuinodidarwin.com).

Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità. Convegno a Milano il 28 settembre

Mercoledì 28 settembre, presso l’Aula Magna del Politecnico di Milano (Piazza Leonardo da Vinci, 32), si terrà il convegno scientifico dal titolo: Cambiamenti climatici, Infrastrutture e Mobilità.

Il convegno è dedicato alla presentazione e discussione del Rapporto “Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità” che illustra come la crisi climatica impatta e impatterà sulle infrastrutture e i sistemi di trasporto nazionali e locali, e propone un insieme di iniziative per anticipare e mitigare i rischi climatici, per aumentare la resilienza e la capacità di adattamento del nostro Paese a tali fenomeni.

Il Rapporto è stato realizzato dalla Commissione di studio, coordinata dal Prof. Carlo Carraro, Ordinario di Economia Ambientale all’Università Ca’ Foscari di Venezia, istituita ad aprile 2021 dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili Enrico Giovannini, per individuare soluzioni concrete volte a dotare l’Italia di infrastrutture moderne e sostenibili.

Per informazioni e programma sono scaricabili a questo link.

Per confermare l’eventuale presenza è necessario scrivere all’indirizzo cerimoniale@polimi.it.

Fonte: Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici

“Environmental health”, al via le iscrizioni per la summer school dell’Università di Bologna

È in programma, dal 14 al 18 novembre 2022, la summer school online organizzata dall’Università degli studi di Bologna “Environmental health“.

Argomento del corso
L’esposizione ambientale a potenziali sostanze tossiche si verifica ogni giorno attraverso la contaminazione dell’aria, del suolo o dell’acqua. La ricerca attuale si concentra sui rischi correlati agli agenti chimici, biologici e fisici nell’ambiente, nei luoghi di lavoro e nella catena alimentare. I metodi di indagine e valutazione dei rischi per la salute umana hanno avuto un enorme sviluppo negli ultimi anni. Durante questa Summer School gli studenti apprenderanno i vari metodi utilizzati nella valutazione del rischio: valutazione dell’esposizione, tossicologia (la scienza dei veleni) ed epidemiologia (la scienza della salute pubblica). Gli studenti seguiranno una serie di lezioni di livello intermedio/avanzato e parteciperanno a sessioni pratiche. Il corso sarà un’introduzione alle tematiche della valutazione dell’esposizione, dei metodi epidemiologici, della valutazione del rischio in tossicologia ed epidemiologia. Al termine del corso, gli studenti acquisiranno conoscenze e abilità di base nella valutazione del rischio per la salute ambientale.

A chi è rivolto
Laureati triennali e magistrali con una valida formazione in biologia, scienze biomediche, scienze ambientali, statistica e interesse in tossicologia, epidemiologia, salute ambientale.

Scadenza iscrizioni
6 ottobre 2022

Tra i relatori personale di Ispra e Arpae Emilia-Romagna.

Approfondimenti
Vai al sito della summer school Environmental health
Vai al bando

Fonte: Sistema Nazionale per la Protezione Ambientale

Obiettivo Carbon Neutrality – Call for abstract per la conferenza nazionale organizzata da ICOS Italy

Obiettivo Carbon Neutrality: aperta la Call for abstract per la conferenza nazionale organizzata da ICOS Italy: a Roma, il 27 e 28 settembre.

Il 27 e 28 settembre, a Roma, presso la sede centrale del Consiglio nazionale delle ricerche, in Piazzale Aldo Moro 7, si terrà la conferenza nazionale “Obiettivo Carbon Neutrality: ruolo, stato e prospettive delle osservazioni ambientali” organizzata da ICOS Italy.

La conferenza costituirà un momento di discussione e confronto su uso, sfide, opportunità e ruolo delle misure di alta qualità raccolte dalle diverse Infrastrutture di Ricerca per raggiungere gli obiettivi di carbon neutrality, necessari a contrastare l’emergenza climatica.

Si apre la Call for abstract per i contributi orali e poster per la seconda giornata della conferenza.

Per sottomettere il tuo Abstract clicca qui.

Non è prevista alcuna quota di iscrizione o partecipazione.

Le quattro aree tematiche di riferimento sono:

  1. Sfide e opportunità per il monitoraggio a lungo termine dei gas serra
  2. Integrazione tra osservazioni in-situ, remote sensing e modelli
  3. Accounting, inventari e bilanci di gas serra
  4. ICOS e le altre infrastrutture di ricerca.

È possibile sottomettere abstract fino al 5 agosto 2022.

Tutti gli aggiornamenti ed il programma definitivo verranno pubblicati sul sito di ICOS Italy e sui social network dell’infrastruttura.

Comitato scientifico della conferenza:

Carlo Calfapietra, Focal point di ICOS Italy, CNR-IRET
Edoardo Cremonese, ARPA Valle d’Aosta
Paolo Cristofanelli,CNR-ISAC
Silvano Fares, CNR-IBE
Anna Luchetta, CNR-ISMAR
Mirco Migliavacca, JRC
Lucia Perugini, CMCC
Andrea Pitacco, Università di Padova
Andrea Scartazza, CNR-IRET

Per informazioni: Edoardo Cremonese: e.cremonese@arpa.vda.it

Fonte:

ICOS Italia: https://www.icos-italy.it/

ICOS – Integrated Carbon Observation System: https://www.icos-cp.eu/